Brilla


Piccolo bottone
Che chiudi le falangi
E con gli occhi piangi
Piccolo fiore
In petalo dipinto
Sospinto
Come il sorriso di un bambino
Come l’ombelico
Sulle labbra un dito
Sui petali che forse sono ali
E l’anima cucita dentro gli stivali
Durante un acquazzone che scintilla
E tu creatura
Brilla

Silvia Rosa

Il volo


Un giorno non troppo lontano
Ti accorgerai pian piano
Che il vento
Se ha talento
Balena
Anche a stento
Che spesso
La somma non fa la differenza
E lanciare una lenza
Significa sopravvivenza
E quell’ amo
Credimi
Sarà
Il volo di un gabbiano

Silvia Rosa

Impiglia

Amo il dettaglio 
E lo spazio celeste
I piedi che ballano
In luogo terrestre
Amo il tuo alluce senza ragione
E mangio in piedi la colazione
Tremo tutte le volte che ne ho bisogno
A volte, anzi spesso, me ne vergogno
Sorrido perché mi rincuora la gentilezza
E anche perché mi scompiglia la brezza
Che vola leggera impiglia i capelli
E i tuoi occhi, sono sempre più belli