Occhi in laguna

In un vecchio cinema, nei pressi del mare, una bambina prova a cantare.

Le pareti umide, le poltrone rosse e corrose, ruvide come il velo delle spose.

Seduta al suo posto, gambe a ciondoloni, indossa la gonna e non i pantaloni.

Canta a squarciagola, sempre da sola, poi si ferma e all’improvviso si trova davanti una gabbianella che non vola.

Anni dopo, in un pontile, si guarda riflessa in un anno bisestile.

Indossa scarpe rosse color della poltrona e una gonna che secondo lei non le dona.

Gli occhi sono fissi sull’acqua della laguna, tra le varie cose che pensa, si sofferma un attimo di più, sulla sfortuna.

Sta per gettare l’amo.

Poi sente un forte richiamo: alza gli occhi verso quel cielo strano, dove all’improvviso vola libero un gabbiano.

Autore: silviettadeglispiririti

Amo le immagini, mi piace accostarle ai versi e creare delle verbografie❤️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...