Un bulbo di paradiso

La guardava con occhio sgraziato 
In un modo meravigliato
Da pirata o sopravvissuto
Amandola di un canto muto
Lei gli sorrise da cavaliere errante
Depose ali di farfalla migrante
La trattenne nelle sue mani
Guercio di vita
E amori profani
Vedeva il mondo attraverso i suoi occhi
Il campanile suonò tre rintocchi
Nessuno seppe se fosse Dio
Lui la chiamava
L’amore mio
Morì di colpo senza preavviso
Gli regalò un bulbo
Di paradiso

Autore: silviettadeglispiririti

Amo le immagini, mi piace accostarle ai versi e creare delle verbografie❤️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...